Case study – Symphonia SGR

Quali sono state le sfide principali nell’asset management?

Per prima cosa, i dossier dei clienti contenevano più di dodicimila portafogli, che a loro volta dovevano essere messi in aggregato per ulteriori analisi e valutazioni complessive. C’era bisogno inoltre, di proteggere i dati sensibili, in quanto ciò che rende unica Symphonia SGR è il suo know-how, quindi la protezione del segreto professionale e dell’asset allocation era un must. Infine, era necessario non solo calcolare i dati di rischio e di performance – aggiungendo alle classiche analisi anche i moduli di portfolio attribution e contribution – ma ottenere una reportistica di alta qualità e di facile interpretazione, da presentare ai clienti e ai data provider, come Morningstar e Lipper.

Perchè SummaRisk?

SummaRisk, benché azienda giovane in un mercato cosi maturo come quello di risk management, si basa su esperienze decennali dei professionisti che l’hanno fondata, e ciò si è sentito particolarmente durante la fase dell’offerta e dello startup del progetto. L’abilità nella gestione dei Big Data, il modus operandi per la protezione del know-how, nonché il modello quantitativo di calcolo di rischio e il taglio dei costi per il risk management, sono stati i motivi fondamentali.

Come si è raggiunto il successo?

Il Risk Management di Symphonia SGR è fatto da una squadra esperta anche se piccola. Con SummaRisk, i professionisti di Symphonia SGR si focalizzano di più sulle decisioni da prendere, sull’analisi dati e sull’asset allocation.

In pratica, come è percepita la soluzione SummaRisk per Symphonia SGR?

Grazie alla sua flessibilità ed all’integrazione con i vari provider, SummaRisk rappresenta la soluzione operativa ideale per tutti i controlli normativi, regolamentari e gestionali, inoltre il suo modello di stima del rischio ex-ante è un elemento centrale della risk policy che Symphonia SGR applica non solo agli OICVM ma anche a tutti i clienti delle Gestioni Individuali.

Alcune considerazioni finali?

Ad oggi le comunicazioni interne, le analisi sempre più efficienti eseguite del team Symphonia diventano le basi per la best practice, permettendo di dedicare sempre più spazio alla soddisfazione dei clienti e le performance dell’ultimo anno lo dimostrano. Symphonia SGR può vantare il riconoscimento ottenuto per gli ottimi rendimenti (Premio Alto Rendimento o “Il Sole 24 Ore” 2017 -“Miglior Fondo – Categoria Azionari Euro – Italia”) e anche se ogni giorno appaiono nuove sfide, la partnership con SummaRisk garantisce gli stessi insight forniti sui dati di rischio e la disponibilità concessa per ogni necessità o chiarimento richiesto.

#innovation   #madeinitaly   #fintech   #marketrisk   #riskmanagement   #assetallocation   #riskadvisory